Le attività di ricerca del GIIFC

Il GIIFC promuove e sostiene attività di ricerca infermieristica orientate a trovare nuove soluzioni ai maggiori problemi assistenziali dei pazienti FC, con l'obiettivo di migliorare la qualità della loro vita e di offrire sempre la migliore assistenza possibile.

Negli anni scorsi il Gruppo ha ideato e condotto due studi nazionali, che hanno coinvolto la maggioranza dei Centri per la FC italiani, su due rilevanti temi: il controllo delle infezioni ed il dolore. Clicca sui titoli degli studi per saperne di più.

Prevalenza della sintomatologia dolorosa negli adulti con fibrosi cistica (2001-2002)

Strategie adottate dai Centri FC per la prevenzione ed il controllo delle infezioni da patogeni respiratori (2002-2003)

Gli studi sono stati oggetto di pubblicazioni su riviste scientifiche indicizzate e sono stati presentati a importanti Congressi nazionali ed internazionali.
Clicca qui per saperne di più.

Nel 2004 il GIIFC ha curato la traduzione in italiano delle Linee Guida francesi sulla prevenzione delle infezioni nei Centri FC. Nel 2003 ha partecipato al gruppo di traduzione delle analoghe linee guida della Cystic Fibrosis Foundation.
Clicca qui per scaricare le traduzioni.


Per il futuro, le aree in cui il GIIFC intende incoraggiare e promuovere attività di ricerca sono:
- Il problema delle infezioni sessualmente trasmesse negli adolescenti e giovani FC, interventi di educazione e prevenzione.
- Quando è il momento per proporre ad un paziente l'inserimento di un Port ? Possibile studio sui pazienti che attualmente sono portatori: quale era la situazione clinica ed i problemi assistenziali al momento in cui il Port è stato inserito.
- Studio sulle tecniche adottate nei vari centri per contenere il dolore da procedura, specie nei bambini
- Studio sui protocolli adottati nei vari centri per la gestione delle agocannule utilizzate per la terapia antibiotica.
- Uso delle nuove tecnologie a supporto dei pazienti FC
- Disturbi alimentari nel bambino piccolo FC
- Problemi assistenziali nuovi incontrati con l'introduzione dello screening neonatale